Progetto "ORSO DOTTORE"

"Se il gioco è importante, il gioco in ospedale è fondamentale" (Benini)

orso dottore2

orso dottore 1

“ Io gioco anche in ospedale”  è un percorso ludico- relazionale, dove l’esperienza dell’ospedalizzazione, grazie alla fantasia, può diventare “a misura di bambino”.

Orso Dottore, un simpatico pupazzo, aiuta i bambini a conoscere gli spazi, le persone e gli strumenti presenti in ospedale, favorendo l’instaurarsi di un rapporto di fiducia tra il bambino e l’ambiente ospedaliero.

 Attraverso il gioco simbolico, il bambino si identifica nelle persone che si prendono cura di lui, rielaborando esperienze dense di emozioni e significati.

Orso Dottore  offre al bambino la possibilità di conoscere, sperimentare e vivere le proprie emozioni aiutandolo a superare le sue Paure.

 

 

 

Ecco alcuni disegni fatti dai bambini dopo l'esperienza con "Orso Dottore" :

 

 

Progetto di umanizzazione strutturale e relazionale "Aiutami a non aver paura"

 21077457 1005365729603953 7465021017689063254 n

 

 

 

 

 

 

 

 

La strategia sulla quale è stato improntato l’intero percorso di umanizzazione delle cure in età pediatrica è un processo che si fonda sulla visione di cura globale della persona: il piccolo paziente è inteso nella sua totalità. fisica, psicologica e sociale.

Il progetto di umanizzazione pittorica prevede un primo intervento di riqualificazione e umanizzazione degli spazi del Reparto di Pediatria del P.O. di Ciriè,  con  particolare attenzione agli aspetti tecnici, manutentivi e igenico-sanitari  delle pareti e, successivamente la realizzazione di opere artistiche a favore di un ambiente a "dimensione di Bambino". L’Associazione O.D.C si propone inoltre di ottimizzare gli spazi della sala-medica e della sala di pronto soccorso, per favorire la salute ed il benessere di tutti gli utenti.

E’ importante al proposito progettare un percorso assistenziale con spazi idonei ad accogliere i bambini che devono essere sottoposti a particolari e delicati esami diagnostici e/o terapeutici, garantendo la presenza delle figure parentali di riferimento durante tutto il percorso di cure.

Per questi motivi i volontari dell’Associazione O.D.C. presteranno il loro servizio dedicando una particolare attenzione al momento dell’Accoglienza del paziente presso la Struttura.

Il servizio di Accoglienza nasce dal desiderio di accompagnare la piccola persona assistita sin da suo ingresso nella Struttura, in un percorso di cure condiviso e consapevole.

OBIETTIVI:

  • Ottimizzare gli spazi garantendo un’Accoglienza adeguata alle esigenze del piccolo paziente.
  • Predisporre una sala medica e una sala di pronto soccorso a “dimensione di bambino” e conforme alle esigenze medico-sanitarie.
  • Promuovere il miglioramento dell’interazione tra operatori e utenti.
  • Favorire la conoscenza dei servizi e le modalità di accesso.
  • Educare ad una corretta fruizione dei servizi sanitari.

Ecco alcune foto del progetto ultimato:

 

 

Progetto "Nati per leggere"

nati per leggere 784 23500

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Grazie al progetto : “ Nati per Leggere” in collaborazione con il Sistema Bibliotecario del Canavese e il gruppo San Paolo,

 la S.C. di Pediatria e Neonatologia di Ciriè ha ricevuto in dono:

n.2  espositori,

n.134 libri per bambini

n.1  stuoia per le attività di lettura

dedicate ai piccoli ospiti del reparto.

La preziosa collaborazione con il  Sistema Bibliotecari del Canavese, permetterà inoltre di organizzare degli incontri formativi rivolti ai volontari O.D.C. al fine di progettare attività di lettura  e allestire uno spazio strutturato.

Un incontro formale rivolto al territorio presenterà il PROGETTO  e l’allestimento del nuovo spazio di lettura a “ dimensione di BAMBINO “.

Progetto "Una Culla per un bimbo"

1

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il Progetto ” Una culla per un Bimbo”  promosso dall’Associazione “Ospedale Dolce Casa“- Onlus a favore dei piccoli pazienti e delle loro famiglie, nasce dal desiderio di  gestire in loco anche bimbi nati prematuri o con patologie gravi, che altrimenti dovrebbero essere trasferiti presso il Presidio Ospedaliero Regina Margherita di Torino, centro di III livello. 

Al fine di ridurre i disagi delle famiglie, si propone inoltre di facilitare il trasferimento precoce presso la Patologia Neonatale di Ciriè, una volta superata la fase critica, dei neonati abitanti in zona che, per problematiche particolari, sono nati o sono stati ricoverati in strutture di III livello.

L’obiettivo è acquisire una nuova incubatrice neonatale GE modello “Giraffe Incubator“,  progettata per favorire la stabilizzazione e la crescita dei neonati prematuri o con gravi patologie; grazie alle più recenti dotazioni tecnologiche, essa garantisce il controllo dei livelli di calore, umidità, ossigeno, luce e rumore, ed all’occorrenza può ospitare due gemellini, consentendo loro di proseguire il contatto diretto pelle a pelle avuto nel grembo materno. L'obiettivo è quello di acquisire anche un Baby Warmer + baby Be.

Il progetto si è concluso il 31 maggio 2017 con l'inaugurazione presso l'Ospedale di Ciriè. Hanno contribuito alla realizzazione l'associazione "In ricordo di Enzo" Onlus, il Rotaract Club Torino- Valli di Lanzo, l'associazione "Una scuola per Martina" Onlus e N.O.I di Unicredit Nord Ovest Insieme.  

Progetto "Accanto al mio bambino"

2

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il progetto si inserisce nelle iniziative promosse dall'associazione volte a rendere a “misura di bambino” l’ambiente ospedaliero, rivolgendo una particolare attenzione  anche agli ambienti e  agli arredi, che accolgono i piccoli pazienti e le loro famiglie. Il rinnovo delle poltrone-letto e l’attenzione nella scelta di alcuni arredi, vogliono essere un segno di quella umanizzazione dell'ambiente ospedaliero che persegue l'associazione  con l’auspicio di rendere  il  più confortevole possibile la permanenza in ospedale.

Il progetto : “ Accanto al mio bambino “, nell’intento di migliorare ed “ abbellire” l’ambiente ospedaliero, evidenzia gli elementi di continuità tra la vita del bambino fuori dall’aspedale e quelli all’interno del reparto, con l’intento di preservare la quotidianità che contraddistingue il vissuto di ogni piccolo paziente. Inoltre l’associazione di volontariato: “ Ospedale Dolce Casa “ ispirandosi alla Carta di Ledha, attraverso la realizzazione del progetto, si impegna a garantire ad ogni piccolo paziente la vicinanza dei propri genitori o di altre persone amiche, in ogni momento della giornata.

L’obiettivo è ottenere una struttura che guarisce ed accoglie, aiutando ad affrontare la malattia con serenità, cercando di rendere meno traumatica possibile l’esperienza ospedaliera. Il progetto si rivolge ai Piccoli pazienti e alle loro famiglie, accolti presso la S.C. di Pediatria e    Neonatologia dell’ Ospedale di Ciriè.

Il progetto si è concluso il 31 maggio 2017 con l'inaugurazione presso l'Ospedale di Ciriè. Hanno contribuito alla realizzazione l'associazione "In ricordo di Enzo" Onlus, il Rotaract Club Torino- Valli di Lanzo, l'associazione "Una scuola per Martina" Onlus e N.O.I di Unicredit Nord Ovest Insieme.  

 

 

 

Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me